Andrew Taylor Still
Andrew Taylor Still

La medicina manuale, così come la medicina moderna occidentale affonda le proprie radici in Mesopotamia e in particolar modo nell’Antica Grecia, e in particolar modo nelle due isole contigue di Kos e Knidos (dove risiedevano le più antiche scuole di medicina).

Quando la medicina era ancora nel suo stadio iniziale, nacque uno scisma tra queste due scuole nel modo di vedere i pazienti e il decorso della malattia. La scuola di Kos (che venne sviluppata da Ippocrate) riteneva che l’effetto della malattia fosse originato da una causa esterna/interna. Il medico aveva il compito di assistere il corpo del paziente fino al raggiungimento dell’autoguarigione. I medici di Knidos si concentravano sulle strutture interne del corpo, dividendo i contenuti in sistemi e ritenevano che ogni malattia richiedesse un approccio e un metodo di trattamento separati.

Il metodo d’approccio Ippocratico, che si opponeva alla scuola Knidiana (che diede le basi a quella che oggi viene definita medicina allopatica), venne ripreso da Andrew Taylor Still che il 22 giugno 1874 creò l’Osteopatia. Mediante un percorso di crescita professionale e di studi sperimentali come il Magnetismo e il Mesmerismo, Still propose un modello diverso di trattamento e diagnosi, mediato principalmente dal sistema muscolo scheletrico riconoscendo l’importanza del sangue nelle funzioni e disfunzioni umane. Andrew Taylor Still (1828-1917) si può definire quindi "padre dell'Osteopatia" avendone codificato i principi basilari che non sono mai stati superati o smentiti. Essi, a tutt’oggi, sono il fondamento della filosofia osteopatica: ovviamente, il tutto arricchito ed integrato con le moderne evoluzioni della scienza dell’uomo e delle macchine

Still nacque in Virginia (USA) nel 1828. A nove anni emigrò con la famiglia nel Missouri; il padre era un Pastore metodista che praticava anche agricoltura e medicina. Still cominciò ad interessarsi di medicina assistendo il padre che, nel Kansas, la praticava presso gli Indiani. A quei tempi, la formazione in medicina non era regolata da alcuna legge ed egli approfondiva la sua conoscenza attraverso la lettura e la pratica quotidiana.

Dopo la guerra di Secessione, lavorò per un periodo come Assistente chirurgo in ospedale. L’esperienza fu deludente: morirono più persone per le infezioni e le condizioni igieniche scadenti che per la guerra. Dissenteria, febbri varie, polmoniti, TBC, peste, decimarono la popolazione mondiale del XIX secolo. Lo stesso Still perse tre figli per meningite cerebro-spinale. Ciò lo portò a riflettere sempre di più sull’essenza delle malattie e sulla medicina e cominciò a credere che le risorse di difesa e guarigione fossero già dentro di noi: bisognava individuarle e stimolarle.

Nel 1874 era giunto ad un livello di conoscenza strutturale anatomica non usuale per quei tempi, approfondendo anche le funzioni e le relazioni reciproche tra le varie strutture (gli fu molto utile, a tale riguardo, lo studio anatomico sulle spoglie degli Indiani). Conosceva bene la meccanica e l’applicava alla macchina umana: affermò che la malattia è l’effetto di un’alterazione della sua struttura meccanica. Il 1874, con la grande epidemia dissenterica, fu per lui un anno illuminante: osservò che i pazienti presentavano una zona lombare dolorosa e calda, mentre la zona addominale era fredda; alcune zone, poi, erano irrigidite e bloccavano i flussi nervosi ed ematici per l’intestino. Ritenne così che, restituendo mobilità alle zone ipomobili (applicando pressioni e mobilizzazioni articolari) , la malattia potesse essere vinta. In questo modo riuscì a guarire 17 casi di dissenteria. Nello stesso anno Still partì per Kirksville (Missouri) dove aprì il suo primo studio, nel 1875, a 47 anni, con grande successo.

Nel 1892 Still fondò l’American School of Osteopathy a Kirksville (attualmente denominata A.T. Still University of Health Sciences (ATSU)) e proprio in quella sede diede una definizione di osteopatia: “L’osteopatia è la regola del movimento, della materia e dello spirito, dove la materia e lo spirito non possono manifestarsi senza il movimento; pertanto noi osteopati affermiamo che il movimento è l'espressione stessa della vita.” Morì nel 1917, ad 87 anni.

British School Osteopathy
British School Osteopathy

Nello stesso anno J.M. Little John, suo allievo, fondò a Londra la British School of Osteopathy e nel 1900 a Chicago l’American College of Osteopathic Medicine and Surgery, tuttora esistente, uno dei 16 College più importanti degli USA.

Percorso