La quarantena è finalmente finita! Il lungo periodo di reclusione ci ha fatto riflettere su aspetti della vita quotidiana che spesso sottovalutiamo, uno di questi è il movimento. La sua assenza ha determinato una riduzione della massa magra (muscolare) a vantaggio di quella grassa. Abbiamo raggiunto un livello di inattività impensabile, anche per i più pantofolai che, all’alba della liberazione, indossando le mascherine di Forrest Gump, si riversano correndo nelle strade delle città.



Studio Olmo - Bionutrizione

La Bionutrizione è una tecnica che opera a livello olistico, studiando e sviluppando strategie per raggiungere e/o mantenere la salute ed il peso ideale, in tutti i casi in cui si altera il rapporto con il cibo.
Per olistico si intende l’idea che l’uomo e il suo organismo siano un’entità non divisa; pertanto i nostri organi, gli arti, i muscoli, le ossa e tutto il resto sono integrati gli uni con gli altri, costituendo un tutt’uno che è superiore alla somma delle singole parti.



E’ una metodologia che porta al riconoscimento delle dinamiche nascoste e delle disfunzioni che possono essere presenti sia nella famiglia d'origine che nella famiglia attuale. Può essere usata anche nelle aziende o in team lavorativi. La famiglia, il lavoro e l'azienda sono dei sistemi, che hanno leggi proprie che li regolano.



Lo stress è fonte di vita! Detta così sembrerebbe una provocazione ma se consideriamo le dinamiche del parto, esse sono tutte incentrate sullo stress compressivo del cranio nella piccola pelvi e il subitaneo rilascio delle tensioni nel momento in cui nasciamo. Lo stress è legato a quei pochi attimi necessari e fondamentali per generare la Vita!



A tutti capita, anche abbastanza spesso, di percepire un dolore più o meno acuto in una qualsiasi parte del corpo; le prime soluzioni che ci vengono in mente, in questi casi, sono i rimedi casalinghi, a lungo tramandati, o le reminiscenze delle campagne pubblicitarie.

Ma come si gestisce realmente un dolore acuto e, soprattutto, quando è necessario realmente allarmarsi?



Studio Olmo - La felicità dipende dall'intestino

L'intestino è detto anche «secondo cervello»: spesso, infatti, ci avverte che qualcosa non sta andando per il verso giusto prima ancora che ce ne accorgiamo. «Spia» di emozioni e stati d'animo, il ruolo centrale dell'intestino in particolare nella regolazione della felicità è stato messo in evidenza da un recente studio pubblicato su Molecular Psychiatry dai ricercatori dell'University College Cork (Irlanda)



La Neuralterapia secondo Huneke consiste nell'iniezione di anestetici locali (quali p.es. procaina, lidocaina o altri piu' recenti) nella pelle o sotto la pelle (intracutanea o sottocutanea), nei muscoli (intramuscolare), tra le giunture o altri organi, ma anche in alcuni punti nevralgici (come cicatrici) allo scopo di eliminare focolai e centri di irritazione o con lo scopo di riattivare circuiti di regolazione disturbati, al fine di guarire molteplici malattie.



L’omeopatia, dal greco omòios (simile) e pathòs (sofferenza), è un metodo di cura che utilizza medicinali a dosi estremamente diluite o infinitesimali basandosi sull’applicazione del principio di similitudine secondo il quale i medicinali possono guarire soltanto le malattie analoghe a quelle che essi stessi hanno la capacità di causare nell’uomo sano.



Studio Olmo - Qigong

Il Qigong è considerata una ginnastica dolce ma è molto di più: è uno strumento di conoscenza del sé e di miglioramento della propria salute.



Interviste

Intervista alla Dott.ssa Alessandra Coppola

Alessandra Coppola - Medico Radiologo

Intervista al Tennista Andreas Seppi

Andreas Seppi - Tennista

Intervista alla Dott.ssa Maria Consiglia Calabrese

Dott.ssa Maria Consiglia Calabrese - Unisa - Docente di Fisioterapia

Studio Olmo - L'intervista al dottor Giampiero Fusco
Intervista al Dottor. Giampiero Fusco

Dottor. Giampiero Fusco - Osteopata e Fisioterapista

Studio Olmo - L'intervista al tennista professionista Thomas Fabbiano
L'intervista al tennista Thomas Fabbiano

Thomas Fabbiano - Tennista

Le riflessioni dello Studio Olmo

Riflessioni

“Mia piccola Amélie,
lei non ha le ossa di vetro: lei può
scontrarsi con la vita. Se lei si lascia
scappare questa occasione, con il
tempo sará il suo cuore che diventerá
secco e fragile come il mio scheletro.
Perciò si lanci, accidenti a lei!”
Click to Tweet

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok